Fabriano e il salame che piaceva a Garibaldi