Il coronavirus, il viaggio e la coerenza perduta