“Beata panzanella” tra leggenda e gusto toscano