Viareggio, oltre la trabaccolara