Archeologia e vino: un “etrusco” a due passi dal Duomo